Mary

Cinque

Artist


Il tutto è più della somma delle sue parti

Sabato 28 maggio alle 17.00 si inaugura la VI edizione di Expo MCdA.

San Benedetto del Tronto – PalaRiviera

mary cinque marche016titled#02


Il tutto è più della somma delle sue parti
a cura di Maria Letizia Paiato


Artisti: Matteo Basilé, Sonia Bruni, Roberto Cicchinè, Mary Cinque, Danilo De Mitri, Rocco Dubbini. Claudio Gaetani, Giovanni Gaggia, LIUBA, Stefano W. Pasquini, Roberto Sala, Rita Vitali Rosati, Corso di Terapeutica Artistica dell’Accademia di Brera di Milano;

Expo MCdA si sta sempre più consolidando come un momento di incontro culturale e umano nel territorio e arriva al termine di una stagione di eventi organizzati allo scopo di far comunicare idee, energie e linguaggi artistici diversi.
MCdA lavora da tempo su tre piani che affiancano e si incrociano: uno artistico, uno territoriale e uno scolastico. Le mostre di arte contemporanea sono state il motore pulsante di questa stagione, a queste si sono affiancati gli appuntamenti di “Le arti si incontrano”, le attività legate alla scuola e al territorio, che si sono concretizzate con gli spettacoli teatrali sul tema I Piceni “Alla ricerca delle nostre radici”, che raccontano ai ragazzi delle scuole medie la storia antica e avvincente del nostro territorio partendo dalla legenda del picchio fino ad arrivare all’eroica difesa portata avanti dai Piceni contro i Romani.
Expo MCdA già dalle prime edizioni ha mostrato cosa possono offrire artisticamente e culturalmente le Marche, ma soprattutto ha cercato di diventare un polo di attrazione per la creatività a livello nazionale e non solo. Indispensabile per il progetto è l’idea di fare rete, di convogliare energie e intuizioni per far crescere il territorio e renderlo sempre più vivo e vivace. MCdA ha cercato di ampliare ancora una volta il proprio cerchio, accostando ad alcuni artisti che vi hanno già partecipato, altri che hanno portato freschezza e vivacità di idee.

 

 

L’Expo di conclude il 26 giugno 2016.

Tredicidiciotto

mary cinque la casa di Egon

Per Tredicidiciotto, artisti italiani e stranieri sono stati invitati a lasciarsi ispirare dal piccolo formato, 13 x 18 cm, la misura della stampa fotografica tradizionale e della cartolina per la corrispondenza. Assecondando l’inclinazione della Casa di Schiele a proporsi come luogo di confronto tra conoscenze, la mostra, libera per tecnica e stile, sarà scandita da linguaggi eterogenei per contesti, generazioni e ispirazioni. Una sequenza visiva, ritmicamente diffusa sulle pareti, articolerà momenti di confronto, tra tradizione e sperimentazione, richiami e resistenze, giocati entro i limiti della cornice. Il supporto diventa un dispositivo di indagare nelle sue più recondite possibilità narrative, un codice da svelare. Così, la misura racchiude lo spazio sia fisico che ideale dell’opera, configurando un contesto di interdipendenza, l’ambito di un dialogo aperto tra artisti distanti per ricerche ed esiti ma accomunati dalla condivisione di un segno minimale.

La casa di Schiele

via San Gaetano, 82100 Benevento, Italy

Movie movie

In occasion of the 11th Day of Contemporary Art sponsored by AMACI association,

La Locanda del Ditirambo and Ditirambo CreativLab (workshop production and promotion of contemporary art) promote two events:

The exhibition “Movie movie”, aimed at promoting and enhancing the screen printing, has on display works by six artists of different generations and expressive language that chose the technique of screen printing as an artistic and evocative medium. Works by Mary Cinque, Carla Ludau, Erminia Mitra, Antonio Picardi, Paolo Puddu and Vincenzo Rusciano.

Presentation of the artist’s book “Menu à la carte” by Lucia Sforza and Antonio Picardi, published by Il filo di Partenope. The publication is a collaboration Lucia Sforza, an illustrator, andAntonio Picardi, a graphic designer, and is inspired by fairy tales related to food.

ARTLANTE VESUVIANO, memoria e presenza dellʼopera nei linguaggi contemporanei dellʼarte

In collaborazione con:
T E K L A art project
COMUNICATO STAMPA
Collettiva dʼarte contemporanea
Vernissage Sabato 31 gennaio ore 18.00
Dal 31/01/2015 al 28/02/2015, visitabile su appuntamento
Negli spazi dellʼazienda TEKLA s.r.l, in Sarno, sabato 31 gennaio, alle ore 18.00,
sʼinaugura la mostra dʼarte contemporanea evento “ARTLANTE VESUVIANO, memoria e
presenza dellʼopera nei linguaggi contemporanei dellʼarte”.
Curata da Raffaella Barbato e Luisa DʼAuria, con il coordinamento organizzativo di Valeria
Prete, da un progetto di Franco Cipriano e Francesco Prete, la mostra presenta lavori di
cinquantadue artisti che operano nellʼarea da Napoli a Salerno. Attraverso la molteplicità
dei linguaggi espressivi del contemporaneo, sʼintende rilevare una situazione territoriale
della presenza attiva dellʼarte. Si propone una mappa iniziale della ricerca nell’area
campana, configurata nellʼattraversamento di linguaggi, forme di produzione e
generazioni.
La mostra è promossa da TEKLA s.r.l., azienda che dal 1999 incoraggia iniziative per la
diffusione dellʼarte contemporanea sul territorio. Nel progetto e nella realizzazione della
mostra gli spazi della fabbrica diventano laboratorio di vitalità artistica e culturale, con
eventi che propongono, nelle diramazioni della ricerca espressiva, una polifonia di voci e
di linguaggi dellʼarte e dʼincontri di riflessione su aspetti storico-critici della pratica artistica
contemporanea internazionale e sul territorio. Lʼiniziativa si articola come uno spazio di
confronti e dialoghi tra le particolari flessioni del senso dellʼarte nellʼepoca attuale.
Differenze che nel tessere la loro singolarità si manifestano come intensità culturali
dellʼesperienza – formale, concettuale e poetica – dei percorsi espressivi nei contesti
territoriali. In profonda risonanza con la memoria dei luoghi, sono linguaggi in sintonia con
le interrogazioni dellʼarte contemporanea nellʼera delle culture globali. Nella comunità delle
alterità di linguaggi e di senso che nello scenario artistico si realizza, lʼarte può indicare la
via della coesistenza e della valorizzazione delle differenze, ʻparlandoʼ ai contesti sociali
con la lingua della pluralità e della solidarietà. Il territorio che il progetto “Artlante
Vesuviano” vuole percorrere è lo spazio di memoria e presenza dellʼopera dellʼarte. Il
corpo dellʼopera è densità di tempo e di materia, “pensiero-immagine” che rivela inedite
esperienze del visibile e ogni riflessione sullʼopera è ascolto dei suoi sempre nuovi enigmi.
“Artlante vesuviano” sul territorio dellʼarte, aperto sempre al futuro delle espressioni,
muove la sua interrogazione culturale e civile, per altri spazi e forme di socializzazione.
Unʼesperienza che parte dallʼimprenditoria più consapevole e sensibile del valore della
cultura e che è cammino per una dinamica interazione tra arte e ambiente, tra ricerca
innovativa e realtà produttive.
Artisti in esposizione: Giovanni Alfano, Michele Attianese, Mathelda Balatresi, Francesca
Capasso, Gabriele Castaldo, Fiormario Cilvini, Mary Cinque, Franco Cipriano, Ugo
Cordasco, Antonio Davide, Gerardo Di Fiore, Adelaide Di Nunzio, Gaetano Di Riso, Nunzio
Figliolini, Vincenzo Frattini, Rosaria Iazzetta, LALOBA (Anna Crescenzi & Renata Petti),
Paolo La Motta, Mario Lanzione, Barbara La Ragione, Nino Longobardi, Guglielmo
Longobardo, Lello Lopez, Salvatore Manzi, Rosaria Matarese, Luigi Pagano, Rosa
Panaro, Alessandro Papari, Peppe Pappa, Massimo Pastore, Pier Paolo Patti, Mario
Persico, Eliana Petrizzi, Ivan Piano, Giuseppe Pirozzi, Felix Policastro, Anna Maria
Pugliese, Carmine Rezzuti, Clara Rezzuti, Angelo Ricciardi, Rinedda, Angelomichele Risi,
Vincenzo Rusciano, Quintino Scolavino, Antonio Serrapica, Tony Stefanucci, Ernesto
Terlizzi, Pasquale Truppo,Carla Viparelli, Salvatore Vitagliano, Ciro Vitale, Marco Zezza
Catalogo a Cura di Raffaella Barbato e Luisa DʼAuria; progetto grafico WHIP agency
Il progetto è patrocinato dal Rotary Club, Comune di Sarno, Provincia di Salerno,
Accademia delle Belle Arti di Napoli, Confindustria, Ordine degli Architetti della Provincia di
Salerno.
Location mostra: Showroom e spazi industriali Tekla srl, Sarno (Sa), Località Ingegno lotto
54, Zona Industriale, pressi uscita A30.
Uscita autostrada Sarno A30, svoltare a sinistra, percorrere 150 metri, allʼaltezza
dellʼospedale girare a sinistra.
Dal 31/01/2015 al 28/02/2015
visitabile su appuntamento
Info: info@teklaweb.it
http://www.teklaweb.eu
tel 0818631935 n° verde 800219300

ISIDE CONTEMPORANEA

ISIDE CONTEMPORANEA
a cura di Ferdinando Creta

MUSEO ARCOS BENEVENTO
22 DICEMBRE 2013 – 28 FEBBRAIO 2014

ISIDE CONTEMPORANEA
curator: Ferdinando Creta

MUSEO ARCOS BENEVENTO
22 DECEMBER 2013 – 28 FEBRUARY 2014

http://www.exibart.com/profilo/eventiV2.asp?idelemento=137602

TRAMES/TRAMITES, Ferrara (IT)

Evento parte del progetto “Dentro le Mura”, realizzato nell’ambito di Creatività Giovanile, promosso e sostenuto dal Dipartimento della Gioventù – Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall’Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani

a cura di RTA Porta degli Angeli

con Matteo Cattabriga, Mary Cinque, Eugenio Squarcia, Giovanni Tutti

Sabato 1 giugno 2013 presso la Porta degli Angeli a Ferrara, inaugura, a partire dalle ore 19.00 la mostra Trames/Tramites. L’evento espositivo, parte del progetto “Dentro le Mura” realizzato nell’ambito di Creatività Giovanile, promosso e sostenuto dal Dipartimento della Gioventù – Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall’Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani è curato dalla RTA Porta degli Angeli (Rete Temporanea di Associazioni) impegnata sul territorio di Ferrara nella promozione di giovani talenti nonché nella valorizzazione della stessa Porta degli Angeli in quanto patrimonio architettonico della città.
Fotografie, video, acrilici su carta e intrografie entrano in questo suggestivo e affascinante luogo per intrecciarsi e creare un’unica trama di diversi linguaggi espressivi. Persone tra loro diverse, provenienti da differenti luoghi, si incontrano e si scontrano tessendo un dialogo sottile tra presente e passato. È così che Matteo Cattabriga (selezionato da Federica Zabarri), Mary Cinque (selezionata da Vincenzo Biavati), Eugenio Squarcia (selezionato da Giovanni Dalle Molle) e Giovanni Tutti (selezionato da Vitaliano Teti) raccontano la loro idea di Trames/Tramites, titolo della mostra ospitata a Ferrara nei mesi di giugno e luglio 2013. Una rassegna interamente giocata sulla duplicità: uomo-donna, passato-presente, antico- contemporaneo, luogo-nonluogo ma soprattutto apertura-chiusura, entrata-uscita ricollegabili, questi ultimi binomi, più strettamente all’etimologia stessa della parola “porta”. Porta intesa anche come ingresso, come uscita, come passaggio ma da dove e verso dove è un mistero non ancora svelato. Come non scegliere allora, quale sede espositiva della collettiva per il progetto “Dentro le Mura”, proprio la storica Porta degli Angeli, punto nevralgico della città da cui, da sempre, si dipana una visione completa del centro, una sorta di panopticon estense? Non a caso la Porta, prima di cambiare innumerevoli destinazioni d’uso nel corso dei secoli, nacque come torre di avvistamento e, dunque, come luogo della visione. Ma la visione è da intendersi, in taluni casi, al pari di una trappola e questo risulta essere, in definitiva, il luogo dove siamo invitati ad entrare per osservare e interpretare le opere di questi giovanissimi talenti, che in un modo del tutto personale, e tra loro diametralmente opposto, ci propongono sfumature interiori ed esteriori, astratte e concrete della loro idea di “passaggio”, dando a noi osservatori l’intricato compito di sciogliere il nodo dei loro labirinti. Labirinti suggestivi ed intricati, talmente suggestivi ed intricati da non volerne quasi più uscire.
Diverse prospettive e differenti punti di vista fanno viaggiare con il pensiero chiunque abbia voglia di varcare la soglia di questa Porta. Un passaggio, un cammino, un attraversamento dentro e fuori un luogo dal sapore ancora cinquecentesco è veicolato da opere dei nostri giorni, giovani e fresche come la mente di chi le produce. I passaggi nella vita sono infiniti, le porte che si aprono e si chiudono anche, senza contare quelle più belle, quelle più profonde, quelle dell’anima.

L’esposizione rimarrà aperta al pubblico fino a domenica 7 luglio.

Linda Gezzi

Sede:
PORTA DEGLI ANGELI
via Rampari di Belfiore 1, angolo con Corso Ercole I° d’Este Orari: da gio. a sab. 16.30 > 19.30
dom. 10.00 > 12.30 | 16.30 > 19.30
Ingresso: gratuito
Info: RTA Porta degli Angeli | info@portadegliangeli.org

Mostra Palazzo Avino, Ravello

Opere della serie “Oleum” di Mary Cinque alla mostra collettiva a cura di Archivio Ravello Contemporanea presso l’Hotel Palazzo Avino, visitabile fino a settembre

Galleria d’arte
Palazzo Avino
Via San Giovanni del Toro 28

I-84010 Ravello (Salerno)

Italia

Napoli 1884_2013 – N’atu posto ‘o stess

acrilico su tela di lino grezza

acrilico su tela di lino grezza

Mary Cinque partecipa a
Napoli 1884_2013_N’atu_posto_o’_stess’_
mostra collettiva presso il Lanificio 25
con un’opera composta di tre tele create ad hoc per l’esposizione curata da Ilaria Iodice

Comunicato stampa
La stessa città, lo stesso posto, lo stesso scorcio.
Due modi di guardare, separati da circa duecento anni.

Napoli, i suoi vicoli, le sue piazze, indagati sul finire dell’Ottocento dall’occhio scrupoloso di Raffaele d’Ambra, poi assorbiti e rielaborati dall’anima di ognuno dei cinque artisti in mostra.

Napoli 1884_2013 è un confronto visivo ed emozionale, un parallelismo tra una Napoli che c’era, e fu ritratta dal vero e fedelmente, ed una Napoli che ora s’intravede, riprodotta con l’espressività tipica dell sentire contemporaneo.
Fino al 6 maggio
visibile durante gli eventi del Lanificio 25
o su appuntamento telefonando allo 081 65 82 915

HIC SUNT LEONES One

Giovedì 25 aprile dalle ore 18:30 alle 23:00

l’arte e i new media si mescolano all’eco design, amalgamati con il buon vino e il gustoso aperitivo del giovedì al Trasformatoio di Napoli.
Dopo lenta cottura, nasce HIC SUNT LEONES One, l’Aperitrasformativo organizzato dall’associazione Componibile62 per questa prima uscita con gli urban sketches di Mary Cinque e e le istallazioni audio-video di Pasquale Napolitano e Giovanni Zaccariello.

L’evento. Il consueto appuntamento Aperitrasformativo del giovedì al Trasformatoio, si animerà con i disegni live di Mary Cinque, una installazione su frame work del video maker Pasquale Napolitano che si mimetizza nello spazio, e il video “Disappear” di Giovanni Zaccariello.
Questi gli ingredienti di una serata evento che dà vita ad una prima collaborazione tra il Trasformatoio e l’associazione Componibile62.

Trasformatoio
Piazza Bellini
Napoli
info: 329 359 1739

DiviNA Commedia Museo Arcos Benevento

Mary Cinque partecipa, con l’opera “011titled#08”, alla mostra “DiviNA Commedia”, a cura di G. Ruffo, P. Tatafiore, M. Ipri presso il Museo Arcos di Benevento fino al 31 marzo.
http://www.reggiadicaserta.beniculturali.it/index.php/musei-del-territorio/530-benevento-museo-arcos.html